RITORNO.

La piccola libraia non si è persa in qualche angolo sperduto del mondo, è di nuovo tra noi! Siete pronti a ripartire? Io sono qui per raccontare, parlare ed ascoltare tutto ciò che si muove tra pagine stampate. Sono qui fresca e carica! Ricomincio quindi ponendovi una domanda: qual è il ritorno letterario che più vi affascina? Quello sudato di Ulisse, quello vittorioso e fiero di Phileas Fogg, o quello alla realtà di Coraline? Insomma il ritorno è in ogni caso emozione: misto tra nostalgia e desiderio, ripartenza e conclusione. Il ritorno è esplosione. E voi? Quale personaggio letterario perduto fareste ritornare sul vostro comodino? Oggi accontentatevi della piccola libraia ritornata sul suo blog!

sonnet_116_calligraphy

Amore in versi.

Si sa, l’amore è forse uno dei temi che va per la maggiore tra canzoni, film, romanzi, poesie. Quanti poeti hanno narrato e narrano tuttoggi di questa forza motrice del mondo! Da Shakespeare che con il suo sonetto 116 ci dice quanto l’amore sia un punto fermo, stabile, solido. Prévert ci racconta gli atteggiamenti degli innamorati, che lontani da tutto e tutti si bastano l’un l’altro. W.Whitman ribadisce quanto l’amore c’è per tutti, da qualche parte. Bisogna insistere nel ricercalo perchè lui è “seduto da qualche parte, ad aspettare te”. E poi c’è Dante, con uno dei versi più celebri della sua opera principale, che ci spiega come l’amore non risparmia chi è amato. E ora quindi chiedo a voi. Qual è la poesia del vostro cuore? Chi ne è l’autore?

La piccola libraia.

 

Tre-uomini-in-barca-–-Jerome-K.-Jerome-2

Sfida50: libro consigliato un membro della tua famiglia

Va avanti la Sfida50, ed è la volta del libro consigliato da un membro della tua famiglia. E’ stato un membro della cosiddetta famiglia allargata ad avermi fatto conoscere questo titolo, il mio ragazzo. Lui ha conosciuto questo romanzo tra i banchi di scuola e lo ricorda come un titolo che lo colpì molto. Su suo consiglio, sono quindi corsa in libreria ad accaparrarmi “Tre uomini in barca” di Jerome. La storia narra di una compagnia di tre amici più un amico a quattro zampe, che decidono di intraprendere una gita in barca lungo il romantico e pittoresco paesaggio del Tamigi. La voce del narratore, J., membro dell’allegra combriccola, non si limita a raccontare le diverse vicissitudini legate al viaggio, ma si lascia spesso andare ad aneddoti passati. Tanto il racconto relativo al passato, quanto quello riguardante il presente, è connotato da episodi talvolta, talmente strambi e paradossali da colorsi di profonda ironia. Ipocondrie da far credere sul punto di morte un uomo completamente sano, pesci falsamente imbalsamati, fotografie mal riuscite, terreni mangiatori di uomini insomma, chi più ne ha più ne metta. Se state cercando un libro fresco, colorato e che di tanto in tanto vi possa strappare un sorriso, bhe questo è quello giusto. Sono io adesso a consigliarlo a voi! Buona lettura!

Frase tra le pagine: “L’uomo che riuscisse a remare senza deviazioni da Oxford a Iffley dovrebbe altresì essere in grado di essere felice, sotto lo stesso tetto, con la moglie, la suocera, la sorella maggiore e la vecchia serva già in famiglia quando lui era bambino.”

La piccola libraia.

wordl

#Worldbookchallenge

Lancio la mia prima bookchallenge! Da buona amante dei viaggi, il tema è proprio il mondo! La sfida non ha limiti temporali e neppure scadenze! Tutto ciò che bisogna fare è scovare e leggere 5 libri ambientati nei 5 continenti: Europa, Africa, Ameria (del sud o del nord), Asia ed Oceania! La sfida sarà seguita sul mio account Instagram: langolodellapiccolalibraia. Ovviamente potrà essere accettata anche da chi un account Instagram non ce l’ha! Tutto ciò che dovete fare è condividere l’immagine della sfida e taggarmi nelle foto delle vostre letture in giro per il mondo, così da far crescere il numero di viaggiatori e turisti dei 5 continenti e così da conoscere sempre più libri provenienti dai 5 angoli del mondo. Che aspettate? Correte a ricercare queste avventure e condividiamole insieme! Vi aggionerò ovviamente sui diversi step della mia vacanza personale! E allora buon viaggio!

La piccola libraia.

sogno-dell-isola-59032634

5 libri ambientati su un’isola. Pt 1

Da sempre l’isola è scenario che crea nelle nostre menti il connubio perfetto tra mistero, scoperta ed avventura. Sono molti gli scenari che vi si possono immaginare: ricerche di tesori nascosti, naufragi, esplorazioni, viaggi tra pirati e sirene. Insomma, sull’isola la fantasia esplode in storie coloratissime e dal grande fascino. Vi propongo 5 libri ambientate su isole, che vi consiglio di visitare ed esplorare!

  • Robinson Crusoe (Daniel Defoe): “Noi non valutiamo mai la realtà della nostra condizione fino al momento in cui ci viene illustrata da una congiuntura diametralmente opposta, né sappiamo valutare i beni di cui godiamo fino a quando ci vengono a mancare.
  • L’isola del tesoro (Stevenson): “Storie marine in marinesco tono E tempeste e avventure e caldi e geli E bastimenti e isole e crudeli Piraterie, e interrato oro, E ogni vecchia favola ridetta Nei precisi antichi modi.”
  • Dieci piccoli indiani (Agatha Christie): “Dieci piccoli negretti se ne andarono a mangiar, uno fece indigestione, solo nove ne restar.”
  • Il signore delle mosche (W. Golding): “Siamo su un’isola. Siamo stati in cima alla montagna e abbiamo visto acqua tutto intorno. Non abbiamo visto né case, né fumo, né impronte, né barche, né gente. Siamo su un’isola disabitata, dove non ci siamo che noi.”
  • L’isola di Arturo (Elsa Morante): “Procida mentre s’allontana, e si confonde, diventa come una cosa grigia… Preferisco fingere che non sia esistita.

La piccola libraia.

51iYvEG8KPL._SX326_BO1,204,203,200_

Sfida50: un libro che non superi le 150 pag.

Siamo ancora nell’ambito della Sfida50libriinunanno: la categoria è “libro che non superi le 150 pagine”. Il libro da me scelto per questa categoria è “Gli animali fantastici: dove trovarli” di J.K. Rowling. La voce narrante è in realtà quella di Newt Scamander, esperto mago, diplomato presso la famosa scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Questo libro è infatti appartenente proprio alla biblioteca della suddetta scuola. Si tratta di una degna guida agli animali che popolano il mondo magico, gli animali nascosti ai Babbani, occultati agli occhi di chi non saprebbe reggerne il confronto. E’ questa dunque un’opportunità rara. Potete scoprire dove si annidano, perchè ci sono nascosti, quali sono le loro più particolari caratteristiche. Dall’ippogrifo alla sfinge, dalle fate alle sirene, dal centauro all’unicorno, sarete accompagnati in un percorso di tanto in tanto colorato da simpatici commenti provenienti direttamente dalla mano di Harry Potter e Ron Weasley. Che aspettate allora? Scoprite quali animali popolano il nostro mondo e scegliete il vostro preferito. Il mio è di sicuro la Fenice!

Frase tra le pagine: “Per quanto a molti Babbani possa sembrare sbalorditivo, i Babbani non sono sempre stati ignari delle creature magiche e mostruose per nascondere le quali abbiamo lavorato così a lungo.”

La piccola libraia.

_LaCasaperbambinispecialidiMissPeregrine_1320444533

Sfida50: un libro da cui è stato tratto un film

Oggi è la volta di un libro da cui è stato tratto un film! Precisamente parliamo de “La casa per bambini speciali di Miss Peregrine” di Ransom Riggs, il cui relativo film, diretto dal visionario regista Tim Burton, uscirà nelle sale italiane verso gli ultimi mesi dell’anno. Quando i miei occhi hanno incrociato la copertina di questo libro è stato amore a prima vista. Una datata foto di una bambina dalle sembianze di bambola, sorvolante il prato che si distende sotto i suoi piedi. Prendendolo tra le mani, la decisione di comprarlo è divenuta definitiva. Libro unico dalla prima all’ultima pagina. Racconta di una storia originale, che non ha eguali: il protagonista è un ragazzino che tenta di sfuggire alla noiosa vita di tutti i giorni e direi proprio che l’obiettivo prefissato è stato realizzato. Una storia senza tempo, in un collegio di “bambini speciali” dotati di poteri che spaventerebbero i “normali”, che trapassa il tempo e lo spazio. Se dico senza tempo c’è un motivo preciso, ma non voglio anticiparvi nulla. Viaggete con Jacob tra mondi e tempi e vi garantisco che quando vi ritroverete a leggere le ultime pagine di questa storia, sembrerà anche a voi che qualcosa stia per cambiare, nel vostro mondo, o nel mondo di Jacob, che ormai saranno diventati un tutt’uno. Vi sembrerà di lasciare un qualcosa che vi appartiene. Correte a conoscere i protagonisti di questa storia anche e soprattutto grazie alle foto che accompagnano il romanzo. Una delle caratteristiche migliori è proprio questa: l’autore ha recuperato foto autentiche, cucendoci intorno queste fantastiche trame. Foto che vi incolleranno alle pagine per minuti interminabili. Che vi faranno venir voglia di sfogliare di nuovo questo capolavoro anche una volta sistemato tra gli scaffali della vostra libreria.

Frase tra le pagine: “Quando fui quasi in cima, nel punto in cui di solito mi voltato a guardare la strada percorsa, proseguii. A volte è meglio non guardarsi indietro.”

La piccola libraia.

an open book with antenna

5 Libri diventati film animati Pt.1

Continuiamo con il secondo appuntamento della rubrica “5 consigli da leggere”! Questa volta nei famosi 5 rientrano dei libri da cui è stato, nel corso del tempo, tratto un film d’animazione. Sarete sicuramente rimasti incollati al televisore, fin da piccoli, davanti a queste storie. Avete però mai letto i romanzi che ne hanno dato l’idea? In questa prima parte vi parlerò di 5 imperdibili:

  1. Notre-Dame de Paris (V.Hugo): siamo a Parigi, e protagonista è questa bellissima cattedrale. Quindi? Cosa vi viene in mente? Ma certo! Il Gobbo di Notre-Dame, il famoso campanaro dall’aspetto un po’deforme appollaiato sui celebri gargouilles. Anche tra le pagine stampate potrete sia voi, che il giovane Quasimodo fare la conoscenza degli altri personaggi, tra cui ovviamente l’indimenticabile spagnola, Esmeralda.
  2. Le avventure di Peter Pan (Barrie): è proprio a partire da queste, che il giovane ragazzo che non voleva crescere, arriva sugli schermi! Assolutamente da non perdere: il libro si articola in dui racconti. Il primo, Peter Pan nei giardini di Kensington, ambientato per l’appunto in questo parco, dove il piccolo bimbo fuggito dalla culla vi si rintana, ed il secondo, Peter e Wendy, il più fresco, il più magico, tra pellerossa, pirati e sirene, nella lontana Isolachenoncè.
  3.  Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie ed Alice attraverso lo specchio (Carroll): nasce proprio dalla fantastia di Lewiss Carroll la storia della dolce biondina e piccola Alice, che appisolata sulle gambe della sorella raggiunge un mondo così misterioso ed affascinante: il gatto dall’ampio sorriso che scompare nel nulla, la duchessa che culla un porcellino, un coniglio frettoloso, ed un cappellaio che prende il tè per tutto il giorno. Come non lasciarsi andare a queste pagine così labirintiche?
  4. Pinocchio (Collodi): il piccolo burattino viene dalla Toscana. Perdetevi nelle pagine di questo romanzo scorrevole e curioso, tra fate e animaletti di ogni genere: piccoli e coscienziosi come il grillo, furbetti ed imbroglioni come il gatto e la volte oppure affamati come la balena.
  5. I cento e una dalmata (Dodie Smith): è una donna ad aver creato i coccolosi dalmata londinesi e la malvagia Cruella De Vil. Cosa aspettate a leggere la storia di Pongo e Missis, innamorati dei loro cuccioli, e pronti a correre in loro soccorso?
wp-1459708495907.png

5 libri da primavera.

Sarà perchè ci sono nata, ma la primavera mi ispira vitalità. E’ un po’ la rinascita: dei fiori, degli animali svegliati dal letargo.  Il mare, i prati ed i giardini ci chiamano a sè. E non sono la sabbia, l’erba ed i parchi forse i luoghi perfetti dove concedersi un comodo viaggio tra lettere stampate? Ecco quindi che vi consiglio 5 libri da primavera, 5 libri colorati con cui accompagnare questi mesi briosi:

  1. L’arte di essere felici (Seneca): chi non vorrebbe conquistare la felicità una volta per tutte? E’ Seneca a parlare ed a spiegarci come raggiungerla: non tutti possono, ci dice, e non senza ostacoli è il percorso che conduce a lei. E a quanti pensano che essa coincida con il piacere? Beh, totalmente errato secondo il filosofo latino.
  2. Il libro della giungla (Kipling) : proprio nel mese di Aprile sugli schermi cinematografici italiani farà capolino il film! Quindi cosa aspettate ad immergervi nel mondo popolato da pantere, orsi, serpenti e scimmie, tra arbusti e piante di ogni genere? Vi consiglio quindi di scovare il lato selvaggio che c’è in voi, e cominciare il cammino accanto a Mowgli!
  3. Il giardino segreto (Burnett): se il giardino ed i fiori sono l’emblema classico della primavera come non leggere questo romanzo. Che aspettate? Correte alla ricerca del famoso gardino di rose e fate la conoscenza del pettirosso più umanizzato della storia della letteratura!
  4. Neve di primavera (Mishima): siamo in Giappone e la stagione è perfino nel titolo! Oltre ad i fiori a sbocciare qui è un amore ostacolato. L’amore di un giovane,appartenente ad una famiglia di Samurai verso una fanciulla figlia dei Conti. Amore travolgente in tutto e per tutto. Qui la primavera è quella dell’uomo: la giovinezza, tanto colorata da ospitare ogni piccola sfumatura.
  5. La trilogia dell’amicizia (Sepùlveda): non fatevi ingannare, non sono solo letture per ragazzi. D’altronde l’amicizia non ha età. Ci accompagna in ogni fase della nostra vita. Sotto al tiepido sole leggete di questi piccoli grandi animali, che forse vi faranno riscoprire l’importanza di un valore così grande e così prezioso.

 

Un “mare” di libri.

Calmo. Agitato. Potrei parlare dell’animo di un semplice uomo, o potrei riferirmi al Dio Poseidone o Nettuno che dir si voglia. Parlo del tappeto dalle mille sfumature blu-verdi che sovrasta gran parte della nostra terra. Talvolta risorsa, talvolta nemico della nostra razza. Nutre e ha nutrito nostri antenati per secoli. Rapisce ed ha rapito uomini sin dalla notte dei tempi. Nemico-amico. Affascinante e coinvolgente per alcuni. Minaccioso e spaventoso per altri. Tanti libri ne parlano. Raccontandolo in tutte le sue sfaccettature. Proprio per questo voglio iniziare un piccolo viaggetto, raccontando gli autori che lo descrivono, che lo dipingono. Nel bene o nel male. Come fonte di ricchezza o piacere, di paura e di sconfitta. Prima di parlare io però, voglio chiedere a voi: quale viso del mare preferite? Quale libro vi ha condotto tra le sue onde? Erano onde buone o malvagie?

La piccola libraia.